Luca Mari: “La riqualificazione antisismica ed energetica di un edificio: una scelta che si ripaga”

SCROLL

Quarantaquattro anni, una laurea in ingegneria civile, una ricca esperienza prima come consulente in ambito strutturale e sismico, poi come Project Leader – con focus nella sismica – all’interno di Arup, una delle più importanti società internazionali specializzata in ingegneria multidisciplinare e design: Luca Mari entra in Moretti SpA a fine 2018 per ricoprire il ruolo di Direttore della divisione Ricerca & Sviluppo, nuovo dipartimento fortemente voluto da Valentina Moretti, Vicepresidente dell’azienda.
Immediata è stata per Mari la responsabilità del progetto “E.N.E.A. – Efficienza nuova per l’energia e l’antisismico”, vincitore del bando Smart Living promosso da
Regione Lombardia con l’obiettivo di introdurre prodotti, processi/servizi nuovi o migliorativi dal punto di vista tecnologico, produttivo e organizzativo, per valorizzare la tematica dell’ “Abitare intelligente”. “Il ruolo di Moretti SpA come capogruppo del progetto a fianco dei partner Carraro Lab e Effegi Systems – afferma Mari – mi ha portato immediatamente a gestire l’intero sviluppo tecnico del progetto e al coordinamento degli altri partner. E.N.E.A introduce un approccio totalmente innovativo e multidisciplinare al tema della riqualificazione dell’esistente perché integra due degli aspetti più critici ed importanti che riguardano il patrimonio esistente: la sicurezza e l’efficienza degli edifici”.
Temi di grandissima attualità: “Certamente, sia per ragioni legate alla natura geomorfologica della nostra Penisola, sia per considerazioni legate all’esigenza di ridurre i consumi e gli sprechi energetici. Non vanno pure trascurate le implicazioni di tipo economico che questi due aspetti comportano: rendere più sicuro ed efficiente un edificio, non significa solo accrescere la sicurezza di chi vi lavora e ridurre i consumi, ma anche preservare e valorizzare un investimento immobiliare e renderlo più appetibile sul mercato.
Per questo vogliamo rendere consapevole il nostro committente dei diversi e ampi benefici di una sua scelta in questa direzione – in alcuni casi resa obbligatoria dal quadro normativo relativo alla valutazione di sicurezza dei luoghi di lavoro – soprattutto oggi che esistono bonus fiscali che la rendono particolarmente vantaggiosa”.